Non chiedetevi cosa fa il contadino per voi…

Non chiedetevi cosa fa il contadino per voi…

Riassunto 2017: primavera anticipata, gelata di Maggio, siccità di luglio e adesso due tempeste a pochi giorni l’una dall’altra. Non ci siamo fatti mancare nulla. Per l’agricoltura, quassù in Trentino, è un anno da dimenticare.

Non faccio questo lavoro da sempre, non vengo da una famiglia contadina, quindi non possiedo geneticamente quella saggezza e rassegnazione agli eventi atmosferici che hanno tanti colleghi. Razionalmente lo so…è ovvio che sul tempo atmosferico non posso intervenire in alcun modo. Ma saperlo razionalmente è un conto, viverlo davvero è tutto un altro paio di maniche.

Bastano pochi minuti per distruggere il lavoro di un anno, per mandare in fumo il reddito di una famiglia, per gettarti nello sconforto. Non sai nemmeno bene con chi prendertela, perché in effetti non c’è nessuno con cui farlo.

E alla fine sembra quasi che sia una cosa che riguarda solo noi agricoltori: nei supermercati comunque si continua a trovare tutto, sempre, ogni giorno. Per la maggior parte delle persone sono solo notizie da telegiornale…e invece no. Perché l’agricoltura è un bene collettivo. Se lavoriamo bene noi, mangiate meglio voi!

Quindi vi chiedo di sostenerci. Vi chiedo di essere consumatori consapevoli. Vi chiedo di comprare prodotti locali nelle nostre aziende. E’ lo sforzo che dovete fare: vincere la pigrizia supermercato-indotta, ridurre al minimo quello che comprate nella GDO e rivolgervi agli agricoltori. Iniziate oggi, perché, che vi piaccia o no, il potere più grande che potete esercitare non è più il voto, ma la scelta d’acquisto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *