Il menù di gennaio e #quellichemihannoispirata2017… e a voi chi vi ispira?

Il menù di gennaio e #quellichemihannoispirata2017… e a voi chi vi ispira?

[Disclaimer]se volete subito sapere il menù di gennaio, scrollate pure fino in fondo. Se invece vi va di dare una mano (sìsìsì, proprio dare una mano) per l’anno nuovo, andate con ordine.

Mentre cucinavo, servivo, pulivo, sgridavo, cucinavo, pulivo, lavavo, spalavo, cucinavo…ho pensato molto a quello che avrei voluto realizzare nel 2018. A parte alcune banalità (tipo non ammalarmi, dimagrire, arrabbiarmi meno con i figlioli), è il lavoro che assorbe gran parte della mia creatività in fatto di buoni propositi e idee. In realtà nel mio caso non è che ci sia questa gran scissione fra lavoro e vita privata. Quindi poco male: ogni buona scelta nel lavoro, sarà una buona scelta tout court (questa l’ho messa nel caso mi legga il Bauer ;-)).

Il sito, il blog, la pagina FB e, pian piano, anche Instagram, stanno crescendo e io voglio pensare, con un po’ di immodestia, che là fuori ci sono persone a cui interessa davvero quello che facciamo qui.

Ma quello che facciamo qui non nasce dal nulla. Molte cose, in cucina, nei campi, nel laboratorio (si fa per dire, il feltro lo faccio ancora nella mia cucina di casa…un vero lab è nella wish list perenne) sono ispirate da altri.

Altri “veri” di ciccia (Irene Hager, delle Sueditroler Krauterfrauen, Daniela Dalbosco del B&B Gian, Barbara Pisetta dell’Agritur Klopfhof, Paola Barducci Accompagnatore di Territorio del Trentino per fare qualche nome).

E altri “virtuali”. E qui mi soffermo. Ci sono un sacco di persone ganzissime là fuori: persone che sanno fare cose, le sanno raccontare e generosamente le diffondono. Quest’anno ho attinto a piene mani: ricette, racconti, oggetti, fotografie e atmosfere.

Ho scoperto ad esempio che ci sono un sacco di artigiani che fanno a mano le cose che magari ho sempre pensato di poter comprare solo nei negozi.

Ci sono siti di cucina dove le ricette sono perfette, super testate da persone reali e magari con gruppo FB annesso per il supporto.

Ci sono blog (di cucina e non) che vale la pena leggere, perché oltre a far bene la ricetta, bisogna saperla raccontare. E sapere da dove arrivano gli ingredienti. O dove comprarli. O come produrseli. E a volte, davvero, pensi che il web è una gran cosa, anche…

Ci sono donne fichissime che aiutano altre donne a diventare imprenditrici di se stesse.

Ci sono fotografi e video maker a cui sogno di offrire un giorno il Mas del Saro come set.

Ecco la mia personalissima lista #maipiusenza di siti, pagine FB e feed Instagram 2017. Qualcuna magari la conoscete già, altre forse no…

su tutti, Fables de Sucre è in assoluto la scoperta 2017! Una miniera di ricette, non sempre facili ma sempre perfette nella descrizione e nei risultati. Se sbagli, sbagli tu. Se fai esattamente come ti dicono Eva e Claudio, viene tutto benissimo. E poi Eva sta in Trentino: un po’ di campanilismo, che diamine!

il cuore viaggia spesso in Toscana (campanilismo/bis…perché al Mas del Saro siamo un po’ zingari). E qui confermo la mia ammirazione assoluta per Juls’ Kitchen-stories and recipes from Tuscany, uno dei migliori blog di cucina (ricette perfette), ma anche una continua ispirazione nell’arte di raccontare il cibo e la propria terra.

Hortus, di Valentina Solfrini. Cucina italiana vegetariana, raccontata in Inglese. Valentina è anche fotografa…foto bellissime.

Il Pasto nudo, blog di cucina e di consumo consapevole creato da Sonia Piscicelli quasi 10 anni fa, in tempi in cui quasi nessuno parlava ancora di tematiche alimentari e consapevolezza. Sempre pieno di informazioni e riferimenti utilissimi (ad es l’ultimo post sulle fermentazioni…una miniera).

Spora! Questa donna mi fa morire. Il suo profilo Instagram è uno dei più divertenti che ci siano, per me. Niente peli sulla lingua, parecchie parolacce, dritta al punto del women-empowerment. Giusto per ricordarci sempre: stay strana, stay figa.

Alberto Bogo, il mio fotografo di cibo e persone preferito.

Giovelab, laboratorio di ceramiche nei boschi del Trentino. Adoro il feed Instagram e il loro lavoro.

 

Ecco la mia lista, assolutamente non esaustiva. Ne seguo molti altri, ma questi sono alcuni su cui sono più assidua.

Il vostro aiuto: sul web spesso si tende alla monotonia. Si torna sempre sui siti preferiti. Ma se ci scambiamo i suggerimenti, ecco che nuove ispirazioni trovano la strada di casa (del maso)…

Quindi: voi che siti, pagine, feed consultate? Suggerimenti? Consigli? Manie? Niente timidezze! Sparatele grosse! Fate nomi e cognomi, linkate profili, pagine FB, feed Instagram, blog, fedine penali (ahah no, quelle no, dai…)! Immaginatemi appiccicata allo smartphone in attesa dei vostri suggerimenti…

 

Adesso, finalmente, il menù di gennaio. I menù invernali sono i più difficili, ma anche quelli che danno più soddisfazione. E’ facile fare i fighi con l’orto pieno, gli alberi carichi, la dispensa in fermento. Ma come la mettiamo con la neve, i rami spogli e le temperature polari? Se siamo stati bravi, dovremmo avere una bella dispensa piena, il congelatore pure (ma solo di roba dell’orto, eh…non valgono i minestroni surgelati!) e tante idee. Io ci provo.

MENU’ DI GENNAIO

Frittelle di patate (Teigtaschen) e le nostre “delizie in vasetto”

Lasagne profumate alla Trigonella (ovviamente fatte a mano) con le verdure invernali

Sformatino di uova e formaggio della Valle, verdure speziate al forno su “pita” (pane piatto tipo piadina) di segale

Dessert del Maso e caffè

Vi aspettiamo!

 

 

 

 

 

 


Related Posts

È finita la scuola: let’s get wild

È finita la scuola: let’s get wild

È finita! La scuola è finita! Sono finiti gli impegni pomeridiani, i saggi, i colloqui, gli esami. È finita la scuola di musica, i corsi di teatro, il coro. È finito il mio turno taxi perenne.  L’imperativo di quest’estate è: let’s get wild!  Il grande […]

Capodanno insieme a noi

Capodanno insieme a noi

Lo so, state a malapena cominciando ad organizzare la cena della Vigilia, il pranzo di Natale, e io son già qui a parlarvi del Capodanno. I giorni di Natale sono quelli della famiglia, della casa che profuma di biscotti e spezie, delle corse per gli […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *