Il menù di gennaio e le nostre vacanze fantozziane

Il menù di gennaio e le nostre vacanze fantozziane

Ed eccoci qui tutti a farci la stessa domanda: sarà un anno di quelli belli? Per quanto ci riguarda, è meglio non valutare da come è iniziato…Ci siamo concessi quattro giorni di vacanza, e tutte le sfighe da “vacanza rovinata” si sono abbattute su di noi:

-macchina carica, pronti a partire: la piccola ha LA FEBBRE!!! Dopo varie discussioni, ripensamenti, scene isteriche a turno dei restanti 4 membri sani della famiglia, consulto pediatrico e sciamanico partiamo lo stesso, faremo i turni in albergo…

-arrivati in albergo realizziamo, con orrore, che nel caos della partenza abbiamo dimenticato la valigia con i nostri vestiti (miei e di Renzo) a casa. A questo punto la prendiamo a ridere (per non piangere). Renzo e Pietro si fanno la tratta albergo-casa-albergo un’altra volta. E per fortuna che andiamo sempre nello stesso albergo in Alto Adige, non troppo lontani.

-i quattro giorni che passiamo in Val Sarentino si rivelano essere i più ventosi da mesi…gli impianti di risalita funzionano a singhiozzo (giustamente, eh! Io non ci salgo manco morta su una specie di ascensore che dondola a 30 mt da terra) e il vento è così forte che ti muovi anche se non vuoi. E ovviamente realizziamo la cosa DOPO  aver fatto gli skipass…

-ideona brillante mia e di mio figlio: saliamo con le pelli al rifugio (vento a 90 km/h, impianti chiusi, io MAI messe le pelli). All’inizio pareva una ganzata. All’inizio! Vi risparmio la mia crisi di panico a 50 mt dal rifugio (che non riuscivamo a raggiungere dal vento) con mio figlio quindicenne super-cool che mi diceva “andrà tutto bene, respira nel sacchetto”. Umiliazione massima…

Quindi: io per il 2019 avrei anche dato. D’ora in poi mi aspetto solo cuoricini e fiorellini e stelline.

Per propiziarmi le divinità dei cuoricini e dei fiorellini ho pensato ad un menù tradizionale, con quello che la dispensa (e un po’ anche il campo) in questo momento mi offre. Come sempre.

 

MENU’ DI GENNAIO

Tortel di patate con farina di grano saraceno, le nostre delizie in vasetto e i fermentati del maso

Zuppa contadina di cipolle con cialda al Trentingrana

Formaggio fuso del Mas la Grisota profumato con le nostre erbe essiccate, la nostra polenta integrale, i nostri crauti

Dessert del maso

Menù completo € 28,00

+Il menù degustazione include: acqua naturale, il pane fatto in casa con la pasta madre del Maso, caffè, il coperto e il nostro sorriso, sempre!
E’ possibile ordinare le singole pietanze. In questo caso, verrà applicato un coperto di €2,00.

Siamo aperti il venerdì sera, il sabato sera e la domenica a pranzo. Per piccoli gruppi anche su prenotazione.

Vi ricordo anche che siamo nella meravigliosa Valle dei Mocheni, a 20 minuti da Trento

Se volete prenotare il nostro pane da portare via dopo cena, tutte le info sono QUI

Se volete saperne di più sui nostri workshop invernali “L’inverno al maso”, tutte le info sono invece QUI

Se volete venire a cena da noi e pernottare in Valle dei Mocheni, vi consigliamo le strutture che aderiscono all’associazione PIRLO en BERSNTOL



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *